Video – 26/11: Cosa fare ogni giorno per dire #noallaviolenzasulledonne

In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, i miei due centesimi sulla questione: da dove deriva, e cosa possiamo fare ogni giorno per combatterla, fuor di retorica ☀️

Annunci

4 pensieri su “Video – 26/11: Cosa fare ogni giorno per dire #noallaviolenzasulledonne

  1. La violenza sulle donne come problema sociale, evidenziando la corresponsabilità sociale, e ancor più come un problema vicino a chiunque o potenzialmente prossimo: non se ne parla mai, grazie di averlo fatto.
    Mi chiedo spesso che potrei fare, da uomo, oltre a non usare violenza, fisica o verbale, oltre a cercare di dare l’esempio. Allevare una (futura) donna insegnandole che dovrà anche saper essere forte, allevare un (futuro) uomo insegnandogli che dovrà saper essere debole. Idee non banali, che si sentono davvero poco in giro.

  2. Condivido le tue considerazioni. E’ facile sventolare “no” a questo e a quello, cosa che ci fa comodamente sentire dalla parte dei giusti; meno facile è cercare le cause reali dei problemi per affrontarle – cause che sono spesso sottili e poco soddisfacenti come obiettivi del cambiamento, perché hanno radici meno afferrabili e più profonde. Su un testo di yoga ho trovato che non serve continuare a scontrarci con i nostri problemi/difetti, ma piuttosto valorizzare e nutrire i nostri aspetti più elevati, che così si svilupperanno e toglieranno energia a quelli negativi. Sentendoti parlare dell’influenza dell’educazione sul problema mi è tornato in mente. By the way, è verissimo che gli uomini faticano a gestire i sentimenti negativi, anche quando non ci sono esiti violenti, e d’altra parte mi sembrano più soggetti delle donne ad avere una visione della realtà fortemente critica, come se la realtà dovesse per forza corrispondere ai loro desideri e alle loro idee. Questa però può essere soltanto una mia impressione personale. Grazie del video. 🙂

    1. Ottimo quel principio di yoga! Faccio abbastanza schifo ad applicarlo. Secondo quello che ho capito del maschile e del femminile, l’ “istinto ordinatore del mondo” è una componente maschile, che a giuste dosi ci permette di realizzarci e avere autostima, ma quando esce fuori dal seminato diventa più una sterile lotta contro i mulini a vento della “biodiversità umana”. Faccio abbastanza schifo anche in questo ✌️ ma ho fatto passi avanti. Grazie a te 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...