I miei strumenti di scrittura

Abbiamo internet!

Dicevo nello scorso post che la scrittura è un’attività pratica, fatta di tempi, di relazioni, di abitudini, di cose tangibili. Di oggetti, anche.

Con cosa scrivi? Con l’immaginazione, l’ispirazione, la costanza, sì sì tutta bella roba. Ma con cosa scrivi?

Io scrivo con: un netbook, una chiavetta, un diario, una cartella e un taccuino.

01

Scriverò 3 post su questi oggetti. Come li uso, come li organizzo. Come, nella pratica, affronto:

  1. la scrittura vera e propria
  2. la cattura delle idee volanti che mi vengono durante il giorno e la loro organizzazione.
  3. le riflessioni che faccio tra una sessione di scrittura e l’altra, quando non sono scrittore ma coach di me stesso.

Spero di fornirvi degli spunti, piccoli ma pratici e tangibili tumblr_meb70w0TdZ1qdlkyg

Annunci

10 pensieri su “I miei strumenti di scrittura

  1. Benritrovato! 😀 Sono passata dalla stilografica al notebook; nonostante trovi la velocità di scrittura importante, ho bisogno di usare il cartaceo per riorganizzare i pensieri. Non riesco a fare a meno di un’agenda organizzata in modo da contenere vari spunti cui posso pensare durante la giornata e riferimenti a fatti/cose su cui vorrei tornare in un secondo tempo. Non per niente sono in crisi perché ho dovuto accantonare la mia vecchia agenda utilizzata a questo scopo e non ne sto trovando una perfettamente uguale all’altra… Effettivamente trovare un’agenda Moleskine rossa adesso in un negozio/libreria è pura follia, benché ora sia sempre meglio di quando ho iniziato la ricerca, vale a dire a maggio 😦
    ps. ma quella è la cartellina con l’interno colorato di Tiger? nel caso ce l’ho pure io, mi ha salvato dal pericolo di tutti quei foglietti volanti in giro per la scrivania!

    1. Io mi alterno come ho fatto vedere tra stilo e netbook. Il netbook è comodissimo, ma scrivere a mano mi aiuta a rilassarmi e concentrarmi senza farmi prendere dall’ansia di rileggere quello che ho appena scritto. Yess, alla fine era la cartella arcobaleno di Tiger 😄 osservando la scrivania di mio padre, letteralmente assediata dai post-it, ho capito subito che avevo bisogno di un modo per organizzare i fogli volanti e l’ho trovato.

      1. Con la stilografica ho imparato a scrivere e ad amare la mia scrittura/calligrafia. Ho sempre scritto con le stilografiche (facciamo l’80% dell’uso, dai). Nel frattempo fra penne rotte e perse non si sa dove (la mia Waterman viola d’acciaio è una perdita pianta ancora adesso), ho perso un po’ l’abitudine di scrivere con la stilografica e non posso che ricominciare. Mi sono decisa a prenderne una nuova (sempre Waterman, sempre viola, sempre d’acciaio), ma la userò solo quando troverò la mia agenda personale. Sono fiduciosa per il 2020 insomma 😦
        Se Tiger si mettesse a vendere stilografiche sarebbe la fine. Mi piace il loro stile.

      2. Dillo a me… cerco sempre di passare al largo, sia dai negozi con stilografiche che da Tiger, perché se per disgrazia faccio per entrare… se non altro Tiger è a buon mercato, finora ho trovato tante cose molto carine che non avrei mai provato a comprare. Le stilografiche che piacciono a me, insomma, tanto a buon mercato non sono 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...