4 pensieri di marzo e 3 video

WP_20151004_006
La prima domenica del mese il palazzo reale è aperto aggratis, yup.

1⃣ La seconda stesura del romanzo procede (sono a circa ¼ del lavoro) e ho già capito che non sarà l’ultima. Adesso sono un elettricista: connetto i cavi del mio marchingegno senza preoccuparmi troppo della resa estetica. Prima di farlo bello, devo farlo funzionare. Sono molto contento di vedere il mio stile maturato. E voi che state scrivendo?

2⃣ Chioccolare: cercavo un verbo che descrivesse il rumore di un piccolo flusso d’acqua nei termini di un verso di uccellino (non chiedetemi come ci fossi arrivato). Dopo circa venti minuti di google (in cui ho scoperto tante cose belle e inutili, come un sito di registrazioni di uccelli, e il nobile ruolo del chioccolatore, cioè imitatore di uccelli) ho trovato questo simpatico verbo che faceva proprio al caso mio. Il significato letterale non è perfetto, ma il suono è azzeccato. Solo all’ultimo ho scoperto che D’Annunzio l’aveva già usato per il mio stesso scopo. E poteva dirmelo prima! Avete imparato qualche parola nuova questo mese?

3⃣ Mentre affrontavo senza troppo coraggio un’afta in bocca pensavo: forse se provassi questo dolore ogni giorno sarei credente, ma c’è il cortifluoral. Normale che oggi l’Occidente sia ateo. Meglio il cortifluoral o il limone, rimedio della nonna? (Io, per sicurezza, mi voto a entrambi.)

4⃣ Sto leggendo Pnin. Che tenerezza, e che disagio, e che trasporto: la palette emotiva di Nabokov. Rischia di diventare il mio scrittore preferito. Cosa state leggendo?

5⃣ Video:


Ho pensato di trasformare “il post dei video” in un piccolo spazio random per pensieri di scrittura e non. Che ne pensate?

Annunci

15 pensieri su “4 pensieri di marzo e 3 video

  1. Al momento leggo “Rock Springs” di Richard Ford, e dovrei iniziare “L’ipocrisia dell’Occidente” di Franco Cardini.
    Dovrei scrivere un racconto su un bambino morto (ammazzato), ma la faccenda è più dura di quanto pensassi. Probabilmente è al di là delle mie capacità.

    1. Non conosco nessuno dei due libri, ma il titolo del secondo mi fa sorridere perchè sembra uno dei miei argomenti di studio! Anche io sto pensando esattamente quello: “la faccenda è più dura di quanto pensassi. Probabilmente è al di là delle mie capacità.” E’ un dardo che mi colpisce in continuazione. Provo a tirare avanti. Mal che vada, brutto, ma esisterà, che è comunque meglio di niente (per me; un po’ meno per i lettori, che comunque possono esercitare con disinvoltura il diritto di ignorarmi.)

  2. bel post!
    1) sto cercando di scrivere l’inizio (ahi! L’inizio!) di un racconto noir/fantastico che avevo già scritto, ma ora lo dovrei scrivere per un corso di scrittura ‘serio’, e l’insegnante mi ha già fatto a strisce alla scrittura del soggetto, quindi tergiverso.
    2) Sì, ma solo in inglese e non penso contino
    3) Qualche anno fa laceravo le afte e poi inondavo di limone la carne viva. Pessimo modo di diventare atei.
    Oggi sono ateo grazie al froben, se non ricordo male
    4) una raccolta di racconti di Gaspare Burgio, uno scrittore giovane e pieno di fantasia che ha un blog qui su wordpress https://burgiogaspare.wordpress.com/ – e devo dire che mi sta sorprendendo: è bravo!

    1. Ciao, benvenuto e grazie!
      L’inizio è sempre difficile. Perché strisce al soggetto? Cosa può andare storto in un’idea?
      Anche il froben non scherza! Conosco Gas 🙂 ho letto un suo racconto qualche settimana fa e mi è davvero piaciuto! Ma dovrei leggere ancora per potermi fare un’opinione vera.

      1. eh, in un soggetto non solo l’idea deve essere chiara, ma devono pure esserci le motivazioni intime dei personaggi. E io le conosco, per i miei personaggi, ma per me “intimismo un cazzo. L’avventura!”. E invece per l’insegnante no 😦
        (grazie a te per l’ospitalità!)

  3. Ah, sto leggendo roba di lavoro perciò non è un granché, non ve la consiglio quantomeno.
    Interessante il discorso del random, amo la casualità o quantomeno il tentativo di avere la casualità.

    1. Eh, e io tra poco devo cominciare con i libri universitari (belli eh, niente da dire, ma non sono romanzi). Secondo me un po’ di casualità deve sempre esserci, sennò smette di essere narrativa e diventa aritmetica.

  4. Io ho adorato parecchio Crimson Peak. E’ un film al 100% gotico e quello è un genere che mi piace parecchio. Non capisco neanch’io perché alla gente non sia piaciuto. Forse perché si aspettavano una storia di fantasmi? (e pensare che Del Toro lo aveva detto che il suo film non riguardava i fantasmi).

    1. Penso di sì, è stato fatto un marketing spintissimo su Crimson Peak come horror. C’è pure Edith che nel film precisa “non è una storia di fantasmi, è una storia con un fantasma dentro, è una metafora del passato.” Insomma, il povero Del Toro ce l’ha messa tutta 🙂

  5. Sto leggendo dei racconti del primo ottocento francese per il gruppo di lettura, ma non riesco ad andare aventi, hanno la densità del plutonio.
    Non ho imparato nessuna parola nuova, anche se i miei alunni continuano a proporne, così come nuove forme verbali. Oggi “fu nato”.
    Non sto scrivendo, sto cercando di rivedere dei vecchi racconti, con la stessa soddisfazione che provo con la lettura del libro di cui sopra…
    Però non ho afte e questo è il pensiero positivo della mia serata.

    1. “Fu nato” sembra la traduzione google translate dal corrispettivo inglese “was born” 🙂
      Pure io annaspo parecchio. Una cara vecchia banalità: quanto è difficile e faticoso scrivere.

  6. I video li ho già visti e se avevo da dirti qualcosa l’ho fatto su youtube 🙂
    Per quanto riguarda me, in questo periodo, l’unica cosa nuova che è accaduta è che ho ora una diagnosi ufficiale di Asperger…
    Purtroppo la scrittura per ora l’ho messa un po’ da parte T.T
    Riprenderò presto, anche solo per scrivere qualche sceneggiatura… 🙂
    Buona giornata!

    1. Beh, benvenuta nel club! Pure io ho scoperto che la mia pre-diagnosi era in realtà una diagnosi bella e buona.
      Ho scritto qualche sceneggiatura anche io, ma è stato tanto tempo fa 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...